Guida al Superbonus 110%


Guida al Superbonus 110%

Quante volte abbiamo sentito usare, e perché no abusare, della parola Superbonus? Con la recente proroga del Governo fino al 31 dicembre 2022 per l’ottenimento dell’incentivo anche da parte delle unifamiliari, forse resterà anche per quest’anno una delle parole più gettonate.
Ma sappiamo veramente cosa prevede il Superbonus 110%? A chi è destinato, quali sono i limiti di spesa, le scadenze e quali interventi comprende?
In questa mini guida tentiamo di fare chiarezza e di rispondere alle principali domande che sicuramente vi sarete posti prima di tentare di accedere alla detrazione.

In cosa consiste il Superbonus 110%

Partiamo dalle basi e scopriamo in cosa consiste: il Superbonus 110 è una detrazione del 110% delle spese sostenute per l'efficientamento energetico e antisismico nonché per l'installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Quali interventi comprende?

Della detrazione del 110% fanno parte determinati interventi, che la legge definisce “trainanti”. A questi si aggiungono anche altri interventi, definiti “trainati”. Ma vediamo nel dettaglio di cosa si tratta. Capire in maniera chiara, infatti, quali interventi sono previsti dal Superbonus 110% è il primo passo per potervi accedere.

Interventi trainanti
In questa categoria fanno parte l’isolamento termico e la sostituzione degli impianti di climatizzazione:
Nello specifico, l’isolamento termico relativo alle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l’involucro degli edifici, compresi quelli unifamiliari, con un'incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell'edificio medesimo o dell’unità immobiliare sita all'interno di edifici plurifamiliari che sia funzionalmente indipendente e disponga di uno o più accessi autonomi dall’esterno. Gli interventi per la coibentazione del tetto rientrano nella disciplina agevolativa, senza limitare il concetto di superficie disperdente al solo locale sottotetto eventualmente esistente.
La sostituzione degli impianti di climatizzazione, invece, si riferisce a quelli invernali esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, e/o il raffrescamento e/o la fornitura di acqua calda sanitaria sulle parti comuni degli edifici, o con impianti per il riscaldamento, e/o il raffrescamento e/o la fornitura di acqua calda sanitaria sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari site all'interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno.

• Interventi trainati
Come accennato, gli interventi trainanti sono affiancati da quelli trainati. Ciò significa che questi ultimi devono essere necessariamente svolti congiuntamente a uno degli interventi trainati elencati poco fa. 
Ecco l’elenco degli interventi trainati: 
Efficientamento energetico rientranti nell’ecobonus, nei limiti di spesa previsti dalla legislazione
Interventi finalizzati alla eliminazione delle barriere architettoniche, per favorire la mobilità interna ed esterna all’abitazione alle persone portatrici di handicap in situazione di gravità e anche se effettuati in favore di persone di età superiore a sessantacinque anni (per le spese sostenute dal 1° gennaio 2021)
Installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici
Installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica sugli edifici o di impianti solari fotovoltaici su strutture pertinenziali agli edifici
Installazione contestuale o successiva di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici agevolati

Per concludere, è doverosa una precisazione: la legge, infatti, prevede la possibilità di usufruire delle detrazioni del Superbonus solo per gli interventi trainati, senza eseguire necessariamente un lavoro trainante, quando questo è impossibile da realizzare a causa di limitazioni derivanti dal codice dei beni culturali e del paesaggio o da regolamenti edilizi, urbanistici e ambientali.

Chi può usufruire del Superbonus 110?

ll Superbonus spetta a i seguenti soggetti o persone giuridiche:
• Condomìni
• Persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arti e professioni, che possiedono o detengono l'immobile oggetto dell'intervento
• Persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arti e professioni, proprietari (o comproprietari con altre persone fisiche) di edifici costituiti da 2 a 4 unità immobiliari distintamente accatastate
• Istituti autonomi case popolari (Iacp) comunque denominati o altri enti che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di "in house providing" su immobili, di loro proprietà ovvero gestiti per conto dei comuni, adibiti ad edilizia residenziale pubblica. 
• Cooperative di abitazione a proprietà indivisa su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci
• Onlus, associazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale
• Associazioni e società sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.
• Soggetti Ires nella sola ipotesi di partecipazione alle spese per interventi trainanti effettuati sulle parti comuni in edifici condominiali.

Limiti di spesa del superbonus 110%

Ma veniamo a un altro nodo cruciale, quello riservato alla parte economica e, quindi, ai limiti di spesa per gli interventi realizzati con il Superbonus 110, che elenchiamo di seguito:

• Interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale: il tetto di spesa è pari ad euro 30mila per gli edifici unifamiliari o funzionalmente autonomi; a 20mila euro per unità abitativa negli edifici composti da 2 a 8 unità, e 15mila euro per unità abitativa negli edifici con più di otto unità.
• Interventi di isolamento termico: il limite di spesa è pari a 50mila euro per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari indipendenti all’interno di complessi plurifamiliari; 40mila euro per ciascuna unità immobiliare per condomini composti da 2 a 8 unità, e 30mila euro per ciascuna unità immobiliare per edifici composti da più di otto unità
• Pannelli solari: il tetto di spesa è di 48mila euro e di 2400 euro per ogni kw dell’impianto per singola abitazione.

Cosa scegliere tra credito d'imposta o sconto in fattura?

Si può usufruire del Superbonus 110 con una detrazione in cinque rate annuali di pari importo per gli interventi effettuati nel 2021 o in quattro rate per gli interventi realizzati nel 2022. In alternativa alla detrazione in dichiarazione dei redditi, si può optare per lo sconto in fattura, emessa dal fornitore di beni e servizi, o per la cessione del credito a intermediari finanziari, istituti bancari, agli stessi fornitori o a terzi soggetti.

Fino a quando si può accedere alla detrazione?

Come anticipato a inizio articolo, la scadenza per accedere a questa detrazione, quasi rivoluzionaria nell’ambito dell'efficientamento energetico degli edifici, è stata prorogata come segue:
- 30 giugno 2022 per gli interventi realizzati dalle persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arte o professione, per interventi su edifici unifamiliari o su unità immobiliari, funzionalmente indipendenti e che dispongano di uno o più accessi autonomi dall'esterno, situate all'interno di edifici plurifamiliari;
- 30 giugno 2022 per gli interventi realizzati dalle persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività di impresa, arte o professione, per interventi su edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate, posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche. Solo nel caso in cui alla scadenza del predetto termine del 30 giugno 2022, siano stati effettuati lavori per almeno il 60 per cento dell'intervento complessivo, il Superbonus spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022 ;
- 31 dicembre 2022 dai condomìni;
- 30 giugno 2023 dagli IACP comunque denominati nonché dagli enti aventi le stesse finalità sociali dei predetti istituti, istituiti nella forma di società che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di "in house providing" per gli interventi di risparmio energetico. Qualora a tale data (30 giugno 2023) siano stati effettuati lavori (finalizzati al risparmio energetico o antisismici) per almeno il 60 per cento dell'intervento complessivo, la detrazione spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2023.

Per restare sempre aggiornato sul Superbonus 110 cliccando qui, troverai la guida dettagliata emessa dall’Agenzia delle Entrate.

A chi rivolgersi per gli impianti

Se hai intenzione di usufruire del Superbonus 110 ma ancora non hai selezionato una ditta a cui affidarti, ti suggeriamo di contattarci.
La nostra squadra è in grado di consigliare e installare gli impianti migliori, prodotti solo dalle ditte europee più competenti. Inoltre, il nostro reparto tecnico ti seguirà durante tutto l’iter burocratico, indicandoti la strada giusta da seguire in base alla tua personale situazione finanziaria, se scegliere, quindi, di detrarre il Superbonus 110  in dichiarazione dei redditi, o attraverso lo sconto in fattura.




Orari

Sede: Lun.-Ven. 9-13/14-18

Filiale di Argenta: Lun.-Ven. 9:30-12/15-17:30

Contattaci

Richiedi informazioni senza impegno sui nostri servizi



F-GAS Azienda certificata
Attestato PROTOS SOA
ICMQ Certificazione di Prodotto
Concessionari GO internet su Ferrara e Argenta